La stalla di un bel palazzetto edificato a cavallo tra il ‘700 e l’800, ospita oggi grazie ad un attento restauro, curato nei minimi dettagli, un elegante locale dai piacevoli toni rustici, a gestione squisitamente familiare che offre, oltre a una accurata selezione di etichette di aziende vinicole grandi e piccole prevalentemente toscane, una deliziosa cucina casalinga, con un vasto assortimento di paste ripiene di propria produzione e dominata dai sapori tipici del territorio toscano, che spaziano da piatti di terra preparati attentamente con prodotti originari dei luoghi limitrofi; come la carne di “Mucco pisano”, un antica razza bovina allevata ad erbetta medica, che è andata via via scomparendo e che negli ultimi vent’anni è stata giustamente rivalorizzata, oppure come i salumi tipici del territorio Garfagnino; come il prosciutto “Bazzone” o il “Culaccio della Garfagnana”, accompagnati con pecorini delle più svariate stagionature è piatti di cacciagione; il tutto non disdegnando però di un fresco pescato di mare, con piatti tipici del litorale toscano, come il Cacciucco (la classica zuppa di pesce Livornese) o con il vasto assortimento di antipasti a tre e a cinque portate. A due passi dalla Piazza dei Miracoli, l’Osteria si trova nel cuore della città vecchia, nell’antica via Uguccione della Faggiola, proprio di fronte alla casa dove il poeta Giacomo Leopardi, durante il suo breve soggiorno pisano, scrisse una delle sue più celebri e struggenti poesie: “A Silvia”. Tutt’attorno la bellezza dell’antica repubblica marinara; il Palazzo Arcivescovile, la Piazza dei Cavalieri, con la “torre” del conte Ugolino; dove ha sede la Normale; scuola di studi universitari famosa e rinomata in tutto il mondo; sinonimo di prestigio ed orgoglio nazionale.